AMERICA/HAITI – “Una presenza dinanzi al mondo di questo piccolo paese”: il neo Cardinale Langlois a Fides

fides.org: 0:00 25-02-2014

AMERICA/ – “Una presenza dinanzi al mondo di questo piccolo paese”: il neo Langlois a
Roma – E’ il Cardinale più giovane del Concistoro appena tenuto, ed è il primo Cardinale nella storia di Haiti: Sua Eminenza Chibly Langlois, Arcivescovo di Les Cayes, 55 , che in un colloquio con l’Agenzia Fides esprime i suoi sentimenti e descrive l’impegno della Chiesa locale.
“Prima di tutto vorrei ringraziare per questa opportunità di esprimere della chiesa di Haiti – dice a Fides il Card. Langlois -, questo paese che ha una grande fede. Come Chiesa siamo al Papa per aver nominato un Cardinale di Haiti, perché ciò è molto significativo: una presenza dinanzi al mondo di questo piccolo paese. Ad Haiti c’è una Chiesa che vive costantemente l’evangelizzazione nella linea dei Vescovi dell’, vale a dire, con la priorità della pastorale, vivere accanto alle preoccupazioni dei più poveri, come tante volte ha detto Papa Francesco. Abbiamo questa preoccupazione: coinvolgere tutti nell’impegno dell’evangelizzazione, giovani, sacerdoti, vescovi, religiosi, famiglie, la comunità dei fedeli, tutti dobbiamo condividere questa visione pastorale”.
Haiti è il paese più povero dell’America Latina, devastato dal tremendo del gennaio 2010 che ha lasciato ferite ancora aperte, con una situazione politica in che paralizza e da cui solo grazie alla mediazione della Chiesa, nella persona dell’Arcivescovo Langlois, sta cercando di uscire .
“La Chiesa di Haiti si sente responsabile anche della situazione in cui vive la popolazione, una dinanzi alla quale non possiamo rimanere indifferenti – prosegue il Card. Langlois -. A questo proposito c’è una cosa molto importante da rilevare nel campo sociale: la Chiesa accompagna i protagonisti politici per riuscire a costruire un dialogo fra tutte le parti e risolvere i problemi della nostra società. Dobbiamo condividere la responsabilità di risolvere la situazione politica che vive il nostro paese, la crisi che vive il paese, e questo sarà possibile solo con il dialogo. La Conferenza Episcopale si è offerta come mediatrice in questa crisi e abbiamo la speranza che, attraverso il dialogo, si vada avanti. Adesso manca solo la firma dell’accordo per uscire dalla crisi. In questo la Chiesa ha quindi un ruolo sociale molto ben definito”.
fides.org

Temi del presente comunicato stampa parla (ottenuto automaticamente): , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.


Ultimi commenti:
maria commenta 5 marzo, giorno delle Ceneri: Esce in edicola il nuovo settimanale IL MIO PAPA
Paola Maestri commenta Padre Livio rimuove Roberto de Mattei da Radio Maria



Argomenti:
Africa agenzia fides amore amp anni anno arcivescovo ASIA benedetto xvi blogs cardinale Che Chiesa chiesa cattolica CINA Città Del Vaticano conferenza episcopale cristiani DEI dell detto Dio diocesi Fede Giovanni Paolo II gloria i cristiani la chiesa la vita lavoro luce misna Mons occasione pace paese persone quot Roma sia tempo vaticano Vescovo Vita zenit